mercoledì 14 maggio 2008

Le scoperte avvengono per caso... | Plumcake

Venerdi' sera avevo bisogno di tirarmi su un po' il morale e cosi' ho pensato che la soluzione migliore fosse cucinare qualcosa di nuovo! Da tempo conservavo nella mia dispensa il cocco grattuggiato cosi' ho deciso che era ora di preparare dei dolcetti al cocco tedeschi: Kokusmakronen!! Non illudetevi non vi daro' la ricetta ed ora vi spieghero' perche'!!!

Ho iniziato a preparare tutti gli ingredienti necessari, il cocco, lo zucchero con un po' di essenza di vaniglia (non ho lo zucchero vanigliato), le uova...pochi e semplici ingredienti! La ricetta l'ho "rubata" da un libro di cucina tedesco di mia suocera! Insomma tiro fuori la ciotola e l'attrezzino per separare i bianchi dai rossi. In questo caso il magico aggeggio non mi serve e cosi' uso il vecchio metodo, sguscio il primo uovo e divido perfettamente il rosso ed il bianco, il secondo uovo segue lo stesso destino, arrivo al terzo ed ultimo uovo e....pluff il rosso cade allegramente insieme agli altri bianchi e chiaramente il tutto inizia a mischiarsi. Dopo aver, perdonatemi la maleducazione, detto alcune parolacce, ero comunque un po' nervosa, ho cercato di salvare il tutto, ma la situazione e' degenerata e mi sono ritrovata con un composto arancione perfettamente amalgamato... Ho meditato sul da farsi e ho deciso che non potevo buttare via tutto, cosi' ho inventato: per la prima volta in vita mia ho improvvisato ed ho iniziato ad aggiungere ingredienti vari per fare una torta: prima di tutto ho sbattutto le uova con il mixer (lo confesso mi sono illusa di montarle a neve nonostante contenessero tracce di tuorli, in seguito ho mischiato tutto), poi ho aggiunto il cocco che conteneva gia' lo zucchero (circa 200g ma se ne aggiungete di piu' non guasta), due tazze di farina addizionata con lievito, 80g di burro quasi fuso, un cucchiaio di zucchero con qualche goccia di aroma di vaniglia e gocce di cioccolato a volonta'. Ho mescolato il tutto e ho versato il composto in una teglia da plumcake di silicone (sono una fan di tutto cio' che e' di silicone). Dopo che il forno aveva raggiunto la giusta temperatura, ca.180gradi, ho infornato e dopo un'oretta la torta era pronta. L'ho fatta raffreddare un po' e l'ho poi capovolta su un piatto!!

Il risultato non e' certo la torta del secolo, ma è riuscita e mi ha salvato la serata. Era buonissima e sia io sia Rocco (il mio cane) abbiamo gradito. Si puo' usare come torta da colazione o da the con le amiche! Ricoprirla di cioccolato fondente o accompagnarla con la famosa crema di nocciole non sarebbe una brutta idea!!

Io alla fine mi sono sentita un po' come uno scienziato, ho scopeto qualcosa senza volerlo!! Ok chi si loda si imbroda!! Non voglio sembrarvi troppo modesta, ma in fondo ero soddisfatta di me stessa!!
Eccovi la foto!!

15 commenti:

  1. posso dirlo anche io?... citandoti:
    "pepperepeppeppè! prima!"

    Le ricette improvvisate sono le migliori!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. uhhh ma sei una sciiiiiiiiiiienziata! troppo bello quando prendo questi slanci vero??? l atorta ha un aspetti splendido! ;)

    RispondiElimina
  3. E sembra anche molto buono dalla foto... Io sulle ricette dolci non riesco proprio a improvvisare, visto che anche quando seguo quelle precise mi vengono fuori ciofeche... Ben tornata!

    RispondiElimina
  4. si bisognerebbe improvvisare di piu', lasciarsi guidare dall'istinto senza timore in cucina...ma ogni tanto anche nella vita, io l'ho fatto e ne e' valsa la pena!Adesso tocca alle ricette!!

    RispondiElimina
  5. Il commento e' venuto fuori con il nome di Monica...ma sono io...Ele

    RispondiElimina
  6. A me sembra cmq bello lo stesso ,-)
    Posso darti un consiglio nel caso in cui ti ritrovassi a mischiare un pò di tuorlo con gli albumi?
    Aziona la planetaria,il mixer o quello che hai,versa un pò alla volta lo zucchero,come si fà per la meringa,e continua a montare senza smettere sino a quando nn avrai incorporato tutto lo zucchero,poi monta ancora per 5 minuti,infine setaccia la farina il lievito ec..ecc. come se lavorassi un normale impasto ;-)

    RispondiElimina
  7. Bello quando fai qualcosa di tua invenzione, vero??? Per coincidenza una delle poche torte "create da me" diciamo col tuo stesso metodo, e' proprio una torta al cocco simile alla tua, con le gocce di cioccolato e ricoperta di cioccolato fondente!! La postero' prima o poi!! :))

    Insomma finita tutta tra te ed il cagnolino...non e' rimasta neanche una fettina??? :(

    RispondiElimina
  8. Monique prova a vedere se con le foto si capisce meglio ;-)

    RispondiElimina
  9. Monique, assomiglio a Rocco di sicuro, a me sembra ghiottissimo e lo mangerei volentieri! Elga

    RispondiElimina
  10. @lory: sei troppo la mia preferita!!! grazie grazie mille!!adesso si che retsa il tarlo per davvero..voglio andà a casa a spellà!!

    @mamma3:questo bel plumcake è merito di ele, non mio!!

    RispondiElimina
  11. In cucina ci vuole fantasia e passione, poi tutto riesce. Hai mai visto degli accoppiamenti impossibili che in una volta assaggiati sono deliziosi??

    Bacioni

    RispondiElimina
  12. Bè, cara, dalla foto mi ispira tantissimo. Sembra bello umidino e allettante.
    Certo che se mi dici che Rocco ha gradito...bè...
    Un bacione!

    RispondiElimina
  13. A volte improvvisando si ottengono i migliori risultati ed il tuo plumcake ne è l'esempio:-)

    RispondiElimina
  14. è un plumcake goloso e riuscitissimo...ottima improvvisazione, chef!

    RispondiElimina
  15. @lory: grazie del consiglio, lo seguiro' e soprattutto evitero' la depressione albume caduto!!
    @ciboulette: sei carina a chiamarlo cagnolino...e' un vero aspirapolvere!!!

    cmq sto macchinando un dolce per il we, domenica vado a pranzo da amici...e visto che Rocco non e' invitato forse ne resta una fettina o cucchiata!!

    RispondiElimina