martedì 18 marzo 2014

tutto in sei giorni

Forse per razionalizzare quello che mi è capitato devo scriverlo, forse non servirà, ma ne sento il bisogno, è successo tutto così velocemente che mi è sembrato di vivere in un film, la vita di un altra persona, un sogno..anzi un incubo.
Venerdì, avvertendo da qualche giorno di sintomi sospetti, mi decido a comprare un test di gravidanza e tornata da lavoro mi infilo in bagno e lo faccio...una metà di me era sicura che fosse negativo, l'altra trepidava.. esco dal bagno riuscendo a non guardarlo.. vado a cambiarmi.. poi torno.. lo guardo.. e quelle due linee sono talmente evidenti che quasi fanno paura! Non ci sta'! Rido isterica, chiamo lui (senza rivelare niente) e gli chiedo di comprare un test.. dovevo rifarlo! La sensazione di panico che mi ha attanagliata in quel momento lottava con quella che era felice e già faceva progetti futuri. quando lui ha visto il test e' stato subito felice mentre io ancora non riuscivo ad esserlo completamente.. come avrei fatto a lavoro? e la casa? e la piccola come l'avrebbe presa? e soprattutto chi lo dice a mia mamma????
La mattina dopo mi sono svegliata prestissimo e sono andata subito a rifarlo.. quelle due lineette erano di nuovo li che mi guardavano sempre più evidenti..non c'era più dubbio. Il venerdì sera avevo subito fissato la visita dalla ginecologa per il martedì pomeriggio. Ho passato un fine settimana assurdo, pieno di dubbi, ansie, felicità e progetti che non riuscivo più a capire niente.. la domenica mi sono ammalata.. febbre e mal di gola.. il mio corpo mi diceva di calmarmi? di fare una pausa? boh.. Il martedì è arrivato così lentamente che sembrava fossero passate due settimane. finalmente la vista e l'ecografia, la prima, la più emozionante.. Ricordavo la sensazione di scoperta che provai alla prima gravidanza.. un senso di gratitudine e completezza.. ma la ginecologa era subito seria e anch'io ho capito.. quel suono che tanto mi aveva emozionata l'altra volta non c'era. si vedeva tutto ma non si sentiva niente.. il battito non c'era.. incredibile! E' una sensazione che non riesco a descrivere. Mi sono sentita come sprofondare ma ero li, nuda indifesa.. Ho guardato lui che era accanto a me e i miei occhi si sono riempiti di lacrime. Non c'era altro da fare che andare in ospedale e fissare per un intervento. Lo so, sono interventi di routine, dayhospital, tutto "semplice e veloce"... ma lo dovevo fare io, anzi 'subire' io.. Non è stato così semplice. Giovedì quindi dalle otto di mattina su quel lettino ad aspettare e aspettare e aspettare.. un'agonia.. Nemmeno una settimana ed era iniziato e finito tutto.. Certo meglio che saperlo un mese prima e poi dopo un mese scoprire che non era andata bene.. non so.. Penso che non esista un modo 'giusto' o 'migliore' di scoprirlo.. Non è stato bello, punto. Lo sappiamo che "succede", ma non ti spieghi mai perché succede a te, lo accetti perché devi ma non te lo spieghi.. Tutti ci cercavano di consolare dicendo 'state tranquilli avrete tempo di riprovarci'.. ma non è questo il problema, non è questo il punto..
Quando giovedì sera alle dieci siamo finalmente usciti dall'ospedale abbracciati ci siamo detti quanto sarebbe stato terribile arrivare a casa ed essere soli mentre invece a casa ci aspettava la nostra piccola patatona!
Tornare da lei e poterla subito allattare e coccolare mi ha ridato vita.
Non scorderemo mai tutto questo, un momento incredibile della nostra vita, della nostra famiglia.

martedì 25 febbraio 2014

...il Grinch a carnevale..

Se leggete questo post vuol dire che il raffreddore e la pioggia battente ci hanno degnato di un fine settimana di sole e libertà.
E' carnevale.....nella mia mente ci sono le domeniche passate col 'mi babbo' al carnevale di Borgo San Lorenzo vestiti nelle maniere più assurde.. l'ultima volta (forse me la ricordo proprio perchè l'ultima) eravamo vestiti io da suora con rossetto e lui da prete con sigaretta in bocca.. FANTASTICI, dopo la separazione dei miei (aiuto mi stò deprimendo ?!?!) non son più riuscita a vivere questo periodo come una festa o cmq non sono più riuscita mascherarmi ma da quando è nata pandorina ho pensato che sarebbe stato bello e giusto iniziarla a questo mondo di divertimento e gioia.....
Ieri allora con Monica e nani annessi ci siamo buttate in questa esperienza nuova e siamo andate al carnevale di Sovigliana e Vinci.




GIOIA?!?! DIVERTIMENTO?!?! ma siamo sicuri?!?!
Ieri pandorina era tutto tranne che divertita!!
MA SIAMO PAZZI!?!?
abbiamo perso di sicuro un paio di decibel d'udito e meno male che mi ero appena colorata i capelli perchè mi se ne sono aggiunti di sicuro altri bianchi dagli spaventi che mi son presa.
Ok... si era appena addormentata in macchina.. ok era dopo pranzo e magari una pennica se la faceva volentieri.. ok era un freddo assurdo (nonostante il sole).. ma immagino che svegliarsi ed essere catapultate su un passeggino freddo marmato con una madre pazza che ti mette un cappuccio da girasole.. che ti porta verso un casino assurdo con gente che urla e sbraita. con esseri enormi di colori e forme indefinite.. con carri allegorici che girano per le strade e sparano a TUTTO FOO (tutto fuoco) la musica (che manco sentivo se piangeva o no).. con i bambini impazziti e ipereccitati dagli zuccheri di bomboloni fritti e 'ammazzasocere' appena ingurgitati che appena mi vedevano avvicinare sparavano in piena faccia chili di coriandoli a pandorina con una tale violenza da far paura, non dev'essere stata proprio una bella esperienza..NO!
Monica e T. son tornati a casa ripieni di quelle malefiche stelle filanti spray che sono qualcosa che tra qualche anno toglieranno dalla vendita perchè chissà cosa c'è dentro, ma ora i ragazzini si divertono a inzuppare le ragazzine e queste giovani fanciulle lì a farsi imbrattare....e come se la ridevano.... MAAAAAAAAAAAAAAAAH!

Ok sono una rospa e fondamentalmente sono un pò il Grinch in situazioni di festa (se non sono tra amici fidati) ma giuro che ero partita con le migliori intenzioni, nonostante questo quando arrivate nelle vicinanze ho visto la faccia di mia figlia con l'occhio supplicante e anche un pò risentito che diceva 'MAMMA MA DOVE DIAMINE MI HAI PORTATAAAAAAAAA?!?!?  ho capito che avevo decisamente sbagliato.

Andrà meglio l'anno prossimo?!..
mah..

sabato 22 febbraio 2014

Planning | Menu settimanale W9

L’avrete capito dalla nostra assenza, io e la Franci siamo state entrambe incasinate questa settimana e non abbiamo prodotto niente per il blog. Sorry. Il menu è l’unico punto fisso della mia organizzazione settimanale, quindi ve lo propongo ugualmente.

Zero ricerca tra i blog, zero post salvati nella cartella “to do”, zero ricette preferite della settimana.

Questa settimana ho dato fondo al ricettario di casa e al numero di febbraio di Cucina Naturale, che amo e sfoglio sempre con grande piacere.

Vado donne, stasera ho da preparare questo!

sabato 15 febbraio 2014

Planning | Menu settimanale W8

Dopo aver saltato una settimana per vari motivi torniamo con il menu planning. Oltre all'influenza che ha colpito la famigliatutta, ho iniziato il decluttering della dispensa e del freezer, rendendomi conto che avremmo potuto mangiare per - almeno - una settimana.  
Ho aggiunto tra le pagine qui sopra anche quella dei menu, così potrete scaricare anche gli arretrati, in caso cercaste delle alternative a voi più gradite.

Tra l'altro, nell'ultima settimana sono stata risucchiata in due diversi gruppi di Facebook, uno specifico sulla planning addiction, malattia di cui sono affetta, e un secondo che suggerisce il meal planning come strategia per risparmiare tempo/denaro/stress.
Non siamo sole! C'è tutto un mondo che pianifica, là fuori!

Cliccando sul link in fondo al post troverete il menu e la lista della spesa. Prima che si scatenino le polemiche, nella lista della spesa io scrivo "pesto pronto" ma non è detto che dobbiate usare quello (io uso il nostro pesto congelato). Ciò non toglie che credo esistano pesti pronti che non siano così scadenti. Idem per la torta salata. Io uso personalmente questa, tutto-nel-mixer-e-via, anche perchè così posso prepararla anche se non ho la base in frigo, ma è ovvio che la base pronta è un'ottima alternativa [fine della polemica].

Il piatto preferito della settimana è questo, cliccate sulla foto per saltare alla sua ricetta:

Polpette di quinoa con feta e cavolo nero
Le altre ricette che ho preso dalla rete sono:

PS: dalla prossima settimana la cena vegetariana del venerdì sarà a cura dell'Uomo del Monte, stay tuned!


giovedì 13 febbraio 2014

Menu bimbi | Magico cavolfiore

Avevo già visto l'idea di frullare il cavolfiore crudo da qualche parte, poi quando qualche settimana fa l'ho rivisto qui mi sono decisa a provarlo.

Ovviamente il Tappo non si è fatto fregare, ma è una buona idea per mascherare una verdura non troppo amata, a volte nemmeno dagli adulti. Personalmente non impazzisco e quindi - anche per me - è meglio nasconderlo.

L'ho preparato martedì sera al posto del piatto previsto dal menu perchè mi sono accorta all'ultimo che mi mancava un ingrediente. Ecco cosa intendo quando dico che il menu non deve essere un'imposizione o un guinzaglio alla vostra fantasia, neppure alla voglia dell'ultimo minuto. Personalmente uso il congelatore sia come risorsa per le scorte che come luogo-dove-occultare-alimenti-che-non-mi-vanno-in-questo-periodo.

Ingredienti:
1 cavolfiore bianco piccolo
1 mix di verdure da minestrone*
concentrato di pomodoro
paprika dolce

Ho cotto il mix di verdure a fiamma bassa in poca acqua aggiungendo un po' di dado vegetale, verso fine cottura ho poi aggiunto 1 cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro e un bel cucchiaino di paprika dolce. Nel frattempo ho frullato il cavolfiore da crudo, arrivando ad una consistenza simile al cous cous. Ho messo il finto cous cous in una padella con i bordi alti e portato a cotture con poca acqua, lasciandolo ancora "croccante".
Ho lasciato le verdure con tanto sughetto, in modo da poter condire successivamente il cavolfiore.
Buonissimo!

Magico cavolfiore

*Io faccio la spesa di frutta e verdura (quasi) tutte le settimane e preparo dei sacchetti da 500-660 gr di verdure miste già pulite e tagliate a pezzi. Le uso per tutto: ripieno di torte salate, minestrone e (quindi) passati o vellutate, contorni "fantasia".

STAMPA LA RICETTA!

martedì 11 febbraio 2014

FIERA del Bambino Naturale


Che ne dite ci andiamo?

Sabato 1 e domenica 2 Marzo si svolgerà a Pontedera (PI)   La Fiera Del Bambino Naturale.
Tra le mille opportunità della nostra regione per diventare genitori sereni e consapevoli secondo me questa fiera può essere davvero un'occasione interessante per approfondire più argomenti, qualsiasi sia la vostra idea di 'genitorialità', perché comunque il confronto è sempre una cosa positiva.

Particolare non trascurabile poi è che l'entrata alla fiera è completamente GRATUITA.

Guardando il programma di entrambe le giornate penso che entrerò lì sabato mattina e ne uscirò la domenica sera per cena.
Di sicuro parteciperò il sabato alle 14:00 all'incontro con Paola Negri sull'allattamento e alle 16:00 al laboratorio di canto per genitori....vi interessava sapere le mie intenzioni giusto?
Ecco...allora continuo...
La domenica, da non perdere alle 10:00 ci sarà il 'cerchio delle donne' dove tutte potremo confrontarci su ogni tipo di argomento...una delle donne che cureranno l'incontro è Valentina Lazzeri, donna e mamma deliziosa, educatrice prenatale e neonatale, consulente della scuola del portare e insegnante di massaggio infantile diplomata A.I.M.I.(di lei vi parlerò più approfonditamente in un prossimo post).
Cercherò di coinvolgere al "cerchio" anche il mio compagno visto che non farebbe male nemmeno agli uomini partecipare alle condivisioni delle donne.. se non altro per capire che non solo la loro donna è STRANA...hihi...
Altro appuntamento della domenica sarà alle 14:00 il primo raduno nazionale delle (ECO)NOME,
nel gruppo di facebook stavano addirittura organizzando dei pullman da tutta Italia per arrivare alla fiera, MITICHE!

Insomma vorrei ribadire che le iniziative sono tante e tutte interessantissime....vi ho convinte?
Allora?... CI ANDIAMO?!?!?


venerdì 7 febbraio 2014

..mi presento..

Prova, un due tre prova?!?!

Finalmente mi son decisa.. devo dire che essere invitata da Monica nel suo blog mi ha dato un bel pensiero.. eterna indecisa e sconclusionata mi sono sentita di non essere all’altezza del compito.. ma alla fine eccomi!
Solitamente non porto a fine nessun progetto.. quindi potrei chiudere il post anche a mezzo.. non ve ne abbiate a male, ecco.. non ce l’ho con voi.. è che son fatta cosi.

Ok, mi presento..

sono Francesca, fiorentina trapiantata nel interland empolese, ho 35 anni e lavoro in un’azienda di moda, ho conosciuto Monica grazie ai nostri uomini che sono amici da quando erano bambini.
Per la serie roba iniziata e mai portata avanti ecco a voi il mio blog DIY...appena mi riapproprierò di un pò di tempo ricomincerò anche a far qualcosa, giuro!

Da 16 mesi la mia vita è stata sconvolta dall’arrivo una pandorina di nome Nora, le certezze di prima si sonno dissolte in odori,suoni ed emozioni completamente nuove. Condivido quest’avventura con il mio compagno, che qui chiamerò ‘l’amico dell’uomo del monte’(hihi), e chiamare quest’esperienza un'avventura è un vero eufemismo. La roba pià difficile che abbia mai fatto!

Subito dopo il parto mi sono trovata catapultata in una realtà completamente nuova, in piena crisi ormonale e con tutte le incertezze del caso, ho arrancato per due mesi e poi ho cominciato a vedere la luce solo perchè ho cominciato a stare con altre mamme, a fare attività insieme a loro e ai nostri pupi e questo mi ha fatto sentire finalmente NORMALE.

In questi post racconterò la mia storia e condividerò con voi la scoperta passione nell’essere donna e madre con tutte le gioie e dolori che ne scaturiscono (più gioie che dolori è!!)...

BUON VENERDI' A TUTTE



In-solita cena | Veggie burger

Martedì a cena avevo messo in menu questi mini hamburger ma avevo in congelatore i panini grandi quindi ho ripiegato sul formato maxi.
L'Uomo del Monte ha così sentenziato: "Sono meglio di quelli di carne"..e lo pensavo anch'io. L'ultimo tentativo di veggie burger era stato un fallimento totale, ma mi sono armata di santa pazienza e ho ripreso la ricerca.
Come ho già scritto, stiamo cercando di ridurre al minimo il consumo di carne per motivazioni salutistiche e questa ricetta entrerà di diritto nel ricettario di famiglia.

La ricetta è di Sigrid, che l'ha presentata in una puntata de "Il cibo si fa bello", l'ho recuperata dal web perchè in realtà non sono mai riuscita a vederne neppure una puntata..
Non avevo tempo di lessare la patata (le lenticchie le avevo già lessate l'altra sera e mi ero dimenticata la patata), quindi l'ho sostituita con pane per tramezzini.

Dosi per 2 persone:
2 fette di pane da toast
120 g lenticchie (peso da secche)
mezzo cucchiaio di curry
1 uovo
2 cucchiai di pangrattato
sale, pepe
2 panini per hamburger da farcire con:
pomodorini 
maionese
lattuga

Preparare i burger frullando insieme le lenticchie lessate, l'uovo, il curry e il pane da toast. Aggiustare la consistenza con il pangrattato; formare dei burger, e cuocerli in padella con un filo d'olio fino a farli dorare sui 2 lati.
Scaldare i panini sulla piastra quindi farcire a piacere.

Veggie burger
Abbiate pazienza ma la foto è stata scattata con l'I-Phone prima che venisse addentato con violenza :-)

STAMPA LA RICETTA!

mercoledì 5 febbraio 2014

Womoms | February wishlist

Come vi dicevo nel post del mio ritorno, non è che si può sempre parlare solo di cucina. Lo dicono anche le womoms..che prima ancora di essere mom eravamo women, quindi...lo siamo ancora!

Ho preparato una wishlist di cosa mi piacerebbe acquistare a Febbraio. L'operazione decluttering in casa delle ultime settimane mi ha fatto rendere conto che ho accumulato una quantità di oggetti allucinante..abbigliamento e beauty hanno avuto la meglio negli ultimi mesi ma lo shopping compulsivo ha riguardato anche craft e oggettistica per la casa. Devo uscire dal tunnel.

Per questo ho deciso che, da Febbraio, mi posso concedere solo 3 cose, non è che posso trasformarmi da spendacciona a risparmiatrice tutta in una volta...

Oggi ho selezionato 6 pezzi e vorrei che mi aiutaste a scegliere su quali oggetti concentrare i miei sforzi. E' ovvio che si tratta di cose superflue...non intendo dire che senza cose come queste non possiamo vivere. Ma ho realizzato in questi mesi che per essere una moglie e mamma serena devo essere felice, e la felicità viene dalle piccole cose, anche quelle futili.


February wishlist

lunedì 3 febbraio 2014

Colazione della settimana | Coconut cake

Dal libro "American Bakery" di Laurel Evans ho già pubblicato il Banana Bread. B-u-o-n-i-s-s-i-m-o!
Tra l'altro, sto cercando di ricreare l'indice delle ricette, avendolo perso a causa della mia imbranataggine 2.0..e mi sono accorta che la versione 1 del banana bread era già stata pubblicata sul blog un sacco di tempo fa, qui.

Volevo utilizzare il latte di cocco che avevo preso qualche tempo fa per provarlo e dato che si avvicinava la scadenza sono andata a ripescare il suddetto libro perchè mi ricordavo di aver letto almeno una ricetta in cui veniva usato. Sono in modalità decluttering della dispensa, abbiamo montato delle mensole più strette  e quindi devo necessariamente fare posto a cose più "essenziali". Inoltre, dato che la cucina è il primo locale all'ingresso di casa, sto tentando di tenerla "minimal" e organizzata, quindi ho destinato alla dispensa alcune caccavelle che usiamo meno, come la bistecchiera elettrica e la centrifuga.

Questa lunga premessa per rendervi partecipi del quotidiano, so che non ne potete fare a meno.. :-)

Coconut cake (la versione originale erano 10 cupcakes)
(con questa dose ho usato la tortiera da 18cm)

250 ml di latte di cocco
150 g di farina 00
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
90 g di burro ammorbidito
130 g di zucchero
1 uovo (per me due albumi, avanzo della crema pasticcera  di ieri sera :-))
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (presto la ricetta che uso io per farlo in casa)

In una casseruola portare ad ebollizione il latte di cocco a fiamma bassissima, fino a farlo ridurre di circa la metà, ve ne serviranno 120 ml, mescolando di tanto in tanto. Togliere dal fuoco e porre da parte a raffreddare. Preriscaldare il forno a 180° e foderare la tortiera con carta forno. In una terrina mescolare la farina, il sale e il lievito. In un'altra ciotola lavorare il burro ammorbidito con le fruste, quindi incorporare lo zucchero e continuare a lavorare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Aggiungere gli albumi e sbattere ancora, quindi aggiungere l'estratto di vaniglia. Incorporare gli ingredienti secchi in due volte e infine il latte di cocco delicatamente, sbattendo alla velocità minima.

Coconut cake

La ricetta originale prevedeva un frosting con crema di formaggio spalmabile e cocco rapè, ma io non lo avevo e soprattutto non amo particolarmente una glassa così ricca; non me ne vogliano tutte le appassionate di cupcakes, so di andare controcorrente..ho preferito una semplicissima glassa all'acqua che ho versato sulla mia fettina.

Dato che l'Uomo del Monte non ama troppo i dolci, nonostante nel regime alimentare da sportivo che sta seguendo ci sia una fettina di torta dopocena, credo che almeno un quarto della torta sarà destinata a nuovi esperimenti...stay tuned!

STAMPA LA RICETTA!

sabato 1 febbraio 2014

Planning | Menu settimanale W6

Lo so, lo so che sono in ritardo..che avrei dovuto pubblicare ieri mattina..
Ma qui siamo in allerta meteo e in emergenza gastro-intestinale..motivo per cui non abbiamo cucinato molto in settimana..se non del gran riso in bianco, delle patate lesse e via discorrendo.
Non vi interessava sapere proprio tutto? Scusate.. :-)

Torniamo al nostro menu..la mia amica Franci che spero a breve accetterà al mia proposta di curare la rubrica kids all'interno del blog mi ha chiesto di aggiungere anche le ricette relative ai piatti più complessi..giusta osservazione.

In queste settimane mi sono resa conto che un'altra delle molteplici finalità del menu settimanale è quella di, finalmente, provare tutte quelle ricette salvate dai blog che non trovavo mai il tempo di collocare nei nostri pasti. In questo modo, una volta che sono inseriti nel menu, gli alimenti necessari sono inseriti in lista e via. Non ci voleva una scienza ma io ci ho messo un po', e vabbè.

Ultima precisazione: nella lista della spesa trovate "mix di verdure a tocchetti": quando torno dal mercato, lavo tutte le verdure che non intendo consumare crude e le faccio a tocchetti, una volta creato questo mix lo insacchetto e lo surgelo. Questi mix li uso praticamente per tutto: minestroni (che poi mangiamo a pezzi o passato), ripieno per torte salate di verdure, ragu di verdure, contorni "stufati". io li trovo utilissimi e mi salvano la vita nei momenti di magra del freezer.. :-)

Quindi, qui il menu e qui sotto i link alle ricette principali. Se troverete delle ripetizioni con le settimane passate è perchè, come ho già detto, dobbiamo smaltire la spesa non consumata durante il regime da ospedale. Almeno, oggi, troverete le ricette relative..
La ricetta preferita della settimana è il Risotto al limone e fiori di rosmarino. Lei l'ho scoperta grazie a Sale e Pepe Veg e l'ho subito inserita tra i blog che seguo sempre, mi piace moltissimo!

Risotto al limone e fiori di rosmarino
Vi ricordo sempre che qui potete trovare la versione vuota, pronta da stampare, se volete preparare il vostro menu con la lista della spesa!

venerdì 31 gennaio 2014

Liberiamo una ricetta | Linguine integrali con pomodorini e pesto


Oggi sono a casa. Sto lavorando nel silenzio della mia casa, Thomas è all'asilo, per ora. Già, perchè la situazione meteo sembra critica, anche al nido hanno detto che potrebbero chiamare da un momento all'altro per andare a prendere i bambini.
Questi video fanno paura, e leggere notizie come questa fa pensare che non siamo in grado di prenderci cura del nostro  Paese. Perché è vero che piove, tanto, ma non riesco a credere che tutto questo non si possa evitare.
Domenica eravamo a Viareggio, una giornata primaverile, e oggi siamo a casa, tappati in attesa che il peggio possa arrivare. No, scusate ma io non ci credo.

Oggi pubblico questa ricetta per partecipare ad un evento di solidarietà, nato come semplice scambio di ricette e diventata una vera occasione per festeggiare, seppure virtualmente, invitando alla nostra tavola qualcuno che dal proprio Paese è dovuto scappare perchè in pericolo o perseguitato.

Premessa da coda di paglia: in barba alla mia volontà di consumare solo alimenti di stagione, il Tappo mangia pochissimo...verdure crude poche, praticamente solo pomodori..e allora, che devo fare? Glieli compro anche d'inverno..meglio di niente..

Linguine integrali al pesto e pomodorini, la ricetta non serve..vi lascio solo la foto e il link alla capofila del blog-event.

Linguine integrali con pomodorini e pesto

Cito da Barbara: "Ci piacerebbe che questo momento di festa e condivisione fosse anche un’occasione di solidarietà. Per questo invitiamo tutti i partecipanti a donare l’equivalente della spesa per il piatto a sostegno delle famiglie rifugiate ospitate dal Centro Astalli di Roma. In questo modo inviteremo a tavola con noi, virtualmente, anche una persona che è dovuta scappare dal suo Paese per fuggire alla guerra e alla persecuzione e che qui in Italia deve ricominciare da zero.
In particolare, ci piacerebbe dotare di stoviglie e pentole le famiglie che vivono nel centro di accoglienza Pedro Arrupe, in via di Villa Spada.
Si può effettuare la donazione tramite bonifico bancario, conto corrente postare o anche online, attraverso Paypal. Tutti i dettagli qui.

"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web". 

venerdì 24 gennaio 2014

Planning | Menu settimanale W5

E' venerdì e torna il momento della spesa e dell'organizzazione settimanale.
Come vi state trovando? Fatemelo sapere, per noi è diventato davvero un ottimo modo per variare le nostre cene, non passare ore tra supermercati e negozi di alimentari e per mangiare sempre ad un'ora decente.

Mi rendo conto che richieda un po' di organizzazione, ma se fissate una sera la settimana, una sola, in cui prendere in mano l'agenda e pensare all'organizzazione settimanale, vedrete che non vi peserà per niente e, anzi, sarà un ottimo modo anche per coinvolgere i vostri mariti/fidanzati/compagni che invece spesso si sentono "esclusi", almeno per me è così.

Come sempre, la ricetta preferita della settimana..questa viene dal blog di Daniela!

Crema di broccoli e palline di pane


STAMPA IL MENU!

venerdì 17 gennaio 2014

Planning | Menu settimanale W4

Rieccomi con il nostro appuntamento settimanale..

In questi giorni non sono riuscita a postare come avrei voluto ma il motivo è che ho lavorato alla nuova grafica del menu settimanale per renderlo più carino e allo stesso tempo più funzionale, almeno così mi sembra.

Ispirazione, come sempre, da Pinterest a cui si è aggiunto Etsy, dove ci sono in vendita un sacco di format solo da scaricare e stampare che mi sono piaciuti un sacco.

Io adoro questa nuova versione, spero che piaccia anche a voi e soprattutto che la troviate più utile in questo formato.

Aggiungo qui anche la versione vuota, cosicchè, se vorrete potrete semplicemente stamparla ed usarla come meglio credete.

Potreste plastificarla e usare dei pennarelli cancellabili o semplicemente stamparne alcune copie da tenere sul frigo.

La ricetta che non vedo l'ora di provare questa settimana è questa, di Jasmine.


venerdì 10 gennaio 2014

Planning | W3 Menu e lista della spesa

Sempre per la serie ce la posso farcela siamo arrivati alla fine della settimana 2.
Il giovedì è ormai dedicato alla pianificazione: mentre con un occhio guardo Masterchef con l'altro sfoglio riviste, attacco compulsivamente post it segnapagina e preparo il menu della settimana.

Ho preparato anche la lista della spesa, così oggi, durante la pausa pranzo, potrete stampare e partire in missione.

Come la scorsa settimana potrete cliccare direttamente sul menu per accedere alla ricetta, questa settimana non vedo l'ora di assaggiare questa!

credits

giovedì 9 gennaio 2014

L'Austria nel piatto vol.2 | Frittatensuppe

Come forse ricorderete da precedenti post l'uomo del monte è mezzo austriaco. Uno dei miei piatti preferiti è in realtà una zuppa e si chiama Frittatensuppe, ovvero zuppa di frittate, le crepes.
Quando è una giornata no o un periodo di particolare stanchezza mi tira davvero su, e lui lo sa.
Generalmente la prepara lui, ha una mano incredibile per le crepes, mentre a me non vengono mai!

Si possono anche congelare anche se fresche hanno un altro sapore. Da quando usiamo i menu settimanali ne facciamo in dose doppia, così da poter conservare le crepes per altri piatti, come ad esempio quelle di ieri sera, nel menu della settimana 2.

La ricetta per le crepes è la seguente:
1 uovo
80 g di farina
160 g di latte

Mescolare gli ingredienti con il frullino quindi cuocere le crepes in un padellino antiaderente. Il trucco è un goccio di olio di semi, giuro che senza non vengono uguali.
Con questa dose ne vengono 6 (diametro 20 cm, circa).

credits

Una volte fatte raffreddare vanno arrotolate e quindi fatte a striscioline sottili - come se fossero tagliatelle - e tuffate nei piatti dove avrete già servito del brodo bollente. Nei gasthof dove si mangiano il brodo viene guarnito con erba cipollina a pezzetti, che conferisce un sapore inconfondibile.

credits

credits

In questi giorni di pieno inverno, secondo me, è un ottimo rimedio antifreddo e, come dicevo prima, possono anche essere preparate con anticipo e poi solo scongelate. Enjoy!

STAMPA LA RICETTA!

lunedì 6 gennaio 2014

Planning | Lista della spesa week 2

Buongiorno a tutti e felice Epifania!

Dopo aver pubblicato qui il menu della prima settimana, in diversi mi avete chiesto la lista della spesa.
Eccola. Come vi anticipavo, noi siamo abituati ad avere diversi alimenti in dispensa per cui non li troverete dosati tra gli ingredienti nella prima colonna dell'allegato.

Mi sono accorta di non aver scritto nello scorso post che in alcuni casi, per ottimizzare i tempi, ho cercato di proporre ricette in cui utilizzare degli avanzi, che siano programmati o meno.

Ad esempio, gli arancini di giovedì sono pensati per riciclare gli avanzi del risotto di mercoledì: nel mio caso, preparerò di proposito una porzione in più di risotto. Negli arancini userò una parte del seitan che avrete iniziato per gli involtini. Mi sembra una buona idea sia per non buttare via gli avanzi sia per portarsi avanti per giornate più incasinate.

Io personalmente preparo il seitan in casa per renderlo un po' più saporito di quello che trovate al supermercato ma per diverso tempo ho usato quello del banco frigo, molto comodo.

STAMPA LA LISTA!

venerdì 3 gennaio 2014

Planning | Menu settimanale W2

Pianificare fa parte del mio lavoro eppure a casa, fino a qualche tempo fa, ero in balia degli eventi. L'arrivo di Thomas ha cambiato totalmente la nostra vita e abbiamo dovuto cambiare di conseguenza le abitutini in moltissimi aspetti della nostra routine.
Una di queste è l'alimentazione. Non che mangiassimo male, anzi..ma eravamo abituati a vivere pressochè alla giornata, se avevamo voglia uscivamo a cena anche all'ultimo minuto, mangiavamo agli orari più assurdi e così via.
Con una persona molto bassa in casa, non si può. Eh no.
Da qualche mese, da quando lui mangia ormai quasi tutto potrebbe mangiare quasi tutto, ho iniziato a pianificare i menu settimanali. Ci sono riuscita a settimane alterne ma l'aria di novità che l'inizio dell'anno porta con sé mi dice che questa volta ce la posso farcela. Questa scelta è principalmente dettata da motivi logistici e organizzativi: io lavoro lontana da casa e non torno mai a casa presto, quindi devo per forza organizzarmi con anticipo. Dobbiamo solo aggiungere un po' di pianificazione per unire la comodità a indubbi vantaggi economici. Nelle settimane in cui non avevo organizzato il menu in anticipo abbiamo buttato via molta più roba, e la cosa mi da molto fastidio, non solo per i soldi.

immagine via web

Preparatevi ad un post lunghissimo ma è il primo, seguiranno solo i menu settimanali con qualche suggerimento, se necessario.
La rete è piena di ottimi suggerimenti, ho studiato per almeno 3 sere di fila e ho affinato la "mia" tecnica.

Vi spiego come ho fatto.

  1. ho riunito i nostri piatti preferiti e li ho divisi in categorie: primi (generico), secondi divisi tra vegetariani/carne/pesce, infine contorni e colazioni. E' una lista in continua evoluzione, perchè man mano che leggo ricette che vorrei provare le aggiungo;
  2. accanto ad ogni piatto ho segnato gli ingredienti freschi o non consueti (teniamo una dispensa abbastanza fornita di ciò che non è deperibile e si usa di solito: zucchero, farine varie, scatolame, ecc..) in modo da averli in evidenza quando stilo la lista della spesa, che è settimanale;
  3. ho seguito uno schema che ci consentisse di variare il più possibile, in modo da non mangiare sempre carne, sempre formaggi e così via. Lo schema è il seguente: sabato carne, domenica/mercoledì pesce, lunedì/martedì/giovedì vegetariano, venerdì uova o formaggi. Noi mangiamo a casa solo a cena e nei fine settimana, anche se il sabato siamo spesso in giro e non pranziamo a casa mentre la domenica, dato che il pranzo è solitamente più abbondante, la cena è fai-da-te (apri-il-frigo-e-scegli-quel-che-c'è).
  4. come ho anticipato prima, in base al menu e a quello che già avevo in dispensa, ho preparato la lista della spesa.
Noi facciamo la spesa in base a quello ci piace, acquistando maggiori quantità, ove possibile, se questi prodotti sono in offerta. In alternativa al "mio" metodo, se volete massimizzare il risparmio, potreste verificare prima le offerte e preparare il menu usando solo questi prodotti.

Ultima postilla: la "mia" settimana va da sabato a venerdì, perchè solitamente facciamo la spesa il venerdì o il sabato, come milioni di miliardi di italiani con cui ci troviamo puntualmente al super :-)

Vi allego quindi il Menu week 2 (dal 4 al 10 gennaio), fatemi sapere se eventualmente vi può interessare anche la lista della spesa!!